Passo della Cisa

Passo della Cisa

Dall'Ostello Cisa possiamo tornare sulla tratta principale della Via Francigena ripercorrendo il cammino intrapreso in senso inverso. La variante A della tappa di ieri ci porta sul Passo della Cisa. Peró possiamo arrivare sul Passo anche passando sulla strada principale, dove c'é traffico in compenso siamo piú veloci in cima. Sul Passo della Cisa passiamo dalla Provincia di Parma in Emilia-Romagna a quella di Massa Carrara in Toscana, con la sua capitale Massa.
sul Passo della Cisa

sul Passo della Cisa

Sul Passo abbandoniamo la strada principale e ci soffermiamo in altura e oltrepassando il Passo Del Righedo. Solo dopo la vetta appenninica del «Cucchero» inizia una discesa di circa 600 metri di dislivello passando cosí da 1000 m.s.l.m. a 400 m.s.l.m. Nell'ultimo tratto di discesa passiamo dal paese di Groppoli.

Risaliamo poi a 700 m.s.l.m. prima di terminare questa tappa appenninica a circa 200 m.s.l.m. nel traguardo di tappa Pontremoli. Adesso abbiamo concluso il valico dell'Appennino. La posizione di Pontremoli, dove si incontrano il Fiume Magra e il Torrente Verde, aveva una posizione strategica per via della sua vista spaziosa su tutta la vallata. Oggi Pontremoli é un piacevole luogo turistico.

tempo uggioso sul Passo della Cisa

tempo uggioso sul Passo della Cisa

Indicazioni

La «Via Francigena» é uno dei 3 cammini di pellegrinaggio che nel Medioevo portavano alle 3 principali mete religiose cristiane « Santiago de Compostela, Roma e Gerusalemme. Il suo asse centrale permetteva ai pellegrini di portarsi da Canterbury, in Inghilterra, a Roma con numerose tappe in Francia e in Svizzera. Questa documentazione descrive innanzitutto la tratta del cammino più percorsa che va da Losanna a Roma.